• IL CASO È CHIUSO

Pace fiscale e rottamazione: si avvicinano i termini per le domande.

Il 30 aprile scade il termine per aderire alla rottamazione-ter e al saldo e stralcio (cioè la versione più conveniente della rottamazione, riservata ai soggetti con Isee ridotto). #ROTTAMAZIONETER Entro il 30 aprile deve essere presentata infatti la specifica istanza predisposta dall’agenzia delle Entrare-ricossione (modello DA – 2018)

Si possono definire gli affidamenti avvenuti entro il 31.12.2017 a prescindere dalla data di notifica della cartella di pagamento.

Rientrano nella sanatoria le somme dovute a titolo tributario e non con l'esclusione delle seguenti:

- le somme da sentenze di condanna della Corte dei Conti;

- le sanzioni aventi natura propriamente penale;

- le somme rivenienti dal recupero di aiuti di Stato illegittimi;

- le sanzioni diverse da quelle di natura tributaria o contributiva.

ll vantaggio è rappresentato dall’azzeramento delle sanzioni e degli interessi di mora.

Sono quindi dovuti: capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo, aggio sull’importo della definizione e rimborso delle spese sostenute dall’agente della riscossione per la notifica della cartella di pagamento e per eventuali procedure di recupero.

Sono previste 18 rate in cinque anni. Le prime due, pari ciascuna al 10% del totale, in scadenza a luglio e novembre 2019, le altre in scadenza nei mesi di febbraio, maggio, luglio e novembre di ciascun anno successivo, fino al 2023.

#SALDOESTRALCIO

E' rivolto solamente alle persone fisiche che abbiano debiti per imposte liquidate affidati agli agenti della riscossione entro il 31.12.2017.

Ammessi i debiti per contributi non versati alla gestione #INPS dei lavoratori autonomi, ma non derivanti da accertamenti.

L'ammissione prevede che la persona fisica abbia un valore Isee, alla data di presentazione della domanda, non superiore a 20mila euro.

Mentre i debitori che abbiano in corso un procedimento di esdebitazione con liquidazione dei propri beni sono ammessi a prescindere dal valore Isee.


#DEFINIZIONELITI

Il 31 maggio, invece, chi ha un contenzioso in corso con il #Fisco può chiudere la lite con uno sconto che cresce in base agli esiti positivi del contribuente nei vari gradi di giudizio.

Rientrano nella sanatoria le controversie pendenti al 24 ottobre 2018.

Per la definizione è previsto il pagamento dell'intero importo dell’imposta in contestazione, senza sanzioni e interessi, con alcune eccezioni dettate dagli esiti dei gradi di giudizio.

#VIOLAZIONIFORMALI

Possono trovare definizione anche tutte le violazioni formali commesse entro il 24.10.2018 che non rilevano ai fini della determinazione della base imponibile e ai fini del versamento dei tributi.

Sono escluse le violazioni formali afferenti tributi diversi dalle imposte sui redditi, dall’Iva e dall’Irap, nonché quelle collegate con l’emersione di attività finanziarie e patrimoniali all’estero e quelle contestate nella procedura di voluntary disclosure.

La sanatoria si perfeziona con il pagamento di 200 euro per ciascun anno di riferimento in due rate, scadenti il 31 maggio 2019 e il 2 marzo 2020, inoltre vi deve essere la rimozione dell’irregolarità entro 30 giorni dalla richiesta della Agenzia delle Entrate.


#ilcasoèchiuso #fisco #pacefiscale #monzalegal #avvocato #consulenza #prenotaora


  • Studio legale MPH
  • Studio legale MPH
  • Studio legale MPH
  • Studio legale MPH

©2019 by Monza.legal - Tutti i diritti riservati. 

un progetto degli avvocati Andrea Maria Mazzaro P.I.  05253270960 e David Satta Mazzone P.I. 03333060139
MPH Studio Legale  - Note legali e Privacy